Storie

La morte di Nimrud è la morte della civiltà

Uno dei primi grandi viaggiatori nella nostra letteratura è stato Gilgameš, la cui Epopea è un testo antichissimo che ha probabilmente più di quattro millenni. Precede l’epica omerica, il Ṛgveda, le Upanishad e i grandi filosofi cinesi. Nella stessa zona in cui vennero ambientate le gesta del grande Gilgameš, della stessa storia millenaria fanno parte le statue e i siti archeologici che sta distruggendo l’Isis. Nimrud distrutta non lascia soltanto una grande rabbia, ma anche una profondissima tristezza, il sentimento tragico che si prova nel vedere una mancanza irreversibile.

07-03-2015 | 00:40

I meravigliosi 90 anni del "New Yorker"

Proprio oggi, novant'anni fa (21 febbraio 1925), usciva il primo numero del "New Yorker", la "rivista delle riviste". Le firme che hanno scritto e scrivono su questo weekly mettono i brividi: da Truman Capote a Tennesse Williams, da J.D. Salinger a John Cheever fino a Woody Allen. Novant'anni spesi a dettare il ritmo al pensiero libero. Con le copertine che erano, e sono, vere e proprie opere d'arte. E con quel dandy di nome Eustace Tilley che non le ha mai davvero abbandonate.

21-02-2015 | 14:35

L'adultero sodomizzato con un pesce vorace

Nel mondo antico l’amante della moglie, se colto in flagrante, era oggetto della giustizia sommaria del marito tradito, che poteva sodomizzarlo con una radice piccante di rafano e con un mugile, pesce dotato di straordinaria voracità. Spaventati? Perché non avete letto gli altri supplizi atroci dell'antichità. Ecco l'elenco.

10-02-2015 | 16:21

Le cose non dette su Giulio Cesare

Inutile specificare il posto di riguardo tra le personalità più influenti di sempre che Giulio Cesare ha come uomo carismatico e politico sagace. Se buona parte delle fonti e degli studi, lo tratteggiano sotto la luce della grandiosità e della correttezza, sul suo operato politico e civile pesano ombre mai profondamente soppesate. Eccole.

27-01-2015 | 20:31

Pagine