Marco Di Memmo

La pietra e la parola
Marco Di Memmo
Cercare un rapporto tra le arti, in particolare scultura e letteratura, attraverso l'incontro tra artisti e scrittori, e le loro idee. A tutto ciò questa rubrica ambisce.

A proposito di Nabokov

Parlare di Lolita è sempre pericoloso, sotto tanti punti di vista: si rischia di dire le solite banalità, di incorrere nei tradizionali clichés, fino a trasformare un capolavoro in un ammasso di interpretazioni idiote. Proprio per questo motivo fu Nabokov stesso che si sentì quasi in dovere di fare chiarezza sulla sua opera, massacrando con amabile ironia tutti i suoi pseudo-carnefici.

06-11-2016 | 17:38

Il mistero del velo che copre Cristo

Un'opera grandiosa forse ancora troppo dimenticata, il "Cristo velato" di Giuseppe Sanmartino, diventa lo spunto per parlare del velo napoletano. Insieme all'opera "Della dissimulazione onesta" di Torquato Accetto rappresenta una bella metafora per parlare di un preciso periodo della storia napoletana. Caratterizzata, nel periodo Barocco, dal desiderio di nascondere misteriosi significati dietro le apparenti manifestazioni del sapere.

23-07-2015 | 10:21

Picasso raccontato da Gertrude Stein

Gertrude Stein in un libro parla di Picasso poco più di trent’anni dopo che il pittore spagnolo le ha dipinto il suo famoso ritratto. Parla di lui con estrema certezza, stigmatizzando ogni suo pensiero senza lasciare spazio al minimo dubbio. Conosce benissimo Picasso e gli ha dato un grande aiuto in passato in qualità di mecenate, amica ed estimatrice.

28-05-2015 | 13:16

La morte di Nimrud è la morte della civiltà

Uno dei primi grandi viaggiatori nella nostra letteratura è stato Gilgameš, la cui Epopea è un testo antichissimo che ha probabilmente più di quattro millenni. Precede l’epica omerica, il Ṛgveda, le Upanishad e i grandi filosofi cinesi. Nella stessa zona in cui vennero ambientate le gesta del grande Gilgameš, della stessa storia millenaria fanno parte le statue e i siti archeologici che sta distruggendo l’Isis. Nimrud distrutta non lascia soltanto una grande rabbia, ma anche una profondissima tristezza, il sentimento tragico che si prova nel vedere una mancanza irreversibile.

07-03-2015 | 00:40

Sciola e la pietra che parla

Pinuccio Sciola, grande artista scomparso alcuni mesi fa, ci ha fatto entrare nella vera essenza del suono, della voce, che nasce sempre dal moto originato da un corpo vibrante. E quale corpo migliore della pietra si poteva scegliere? Sciola vedeva nella pietra – partendo anche da una base scientifica – l’elemento «primo» della terra.

18-07-2016 | 16:34