Storie

La teoria dei confini aperti

Focalizzando l’attenzione sull’immigrazione nuda e cruda, in America alcuni studiosi hanno tentato di ribaltare un paradigma: mentre tutti si chiedono come limitare i flussi di persone, ci si è domandato prima di tutto se sia vantaggioso o no farlo. La discussione sugli “open borders” ha un pregio: il confronto avviene su una base di numeri e idee radicali, senza lasciarsi andare alle becere esagerazioni xenofobe o alla lingua pelosa del politicamente corretto.

30-11-2015 | 10:55

La biblioteca e gli asinelli

Martinelli, regista e pedagogo, racconta la meraviglia di lavorare, da oltre vent’anni, in giro per il mondo, sui grandi classici del teatro con gli adolescenti: creature commoventi e affamate di vita. Come fare incontrare una biblioteca con degli asini, per tirare fuori il fuoco.

Il paese dove nacquero gli zombie

La serie televisiva "The Walking Dead", ovvero il telefilm horror più visto di tutti i tempi, raddoppia con "Fear the Walking Dead", serie parallela che ci mostra le prime fasi dell'apocalisse zombie. Questa volta i nuovi protagonisti non dovranno più sfuggire ai famelici morti viventi nella bucolica e provinciale Georgia, ma bensì nella tentacolare e cosmopolita Los Angeles. A conferma che i putrescenti e barcollanti morti viventi romeriani sono «più vivi che mai».

27-09-2015 | 17:55

Buon compleanno grande scriba

A 85 anni di sbalorditiva vitalità, Gianni Clerici (Como, 24 luglio 1930), scriba – come si definisce lui – tennistico, per spostarsi rifiuta le auto ufficiali messe a disposizione dei tornei in giro per il globo. Va a piedi, col passo della staffetta che un giorno nascose gli Sten dei partigiani nella sacca. Da tempo ha preso residenza creativa in Svizzera e il suo più grande rimpianto è non essere rimasto a Londra: "Là, chi lo sa, avrei potuto fare Joseph Conrad… Qui ho scritto cinque commedie, non me ne hanno presentata manco mezza".

19-09-2015 | 02:01

Uomini come polli (da batteria )

I polli, come si sa, se scoprono una piccola ferita in un compagno di prigionia, cominciano a beccarlo in quel punto sino a scavargli piaghe in corpo divorandoselo poco a poco. Anche i bancari, gli impiegati, nel proprio gruppo hanno sempre uno che svolge il ruolo di buffone e vittima predestinata. Le conversazioni sono spesso di questo genere. «Di’ su, perché non vai in palestra, con quella pancia che hai?!». E tutti a ridere.

07-09-2015 | 11:34

A cosa serve la scuola?

A cosa serve la scuola? A preparare uomini o professionisti? E la filosofia? “Non serve a nulla perché non è serva di nessuno" (parola di Aristotele, o almeno così vuole la tradizione). La letteratura? Perfettamente inutile; al massimo, come sosteneva il Nobel Josif Brodskij, poeta esule russo, serve a salvare il ”volto non comune” di ciascuno. E la matematica? Analisi del tema a due settimana dalla prima campanella.

31-08-2015 | 11:52

La Storia è una maestra di vita

Ha recentemente spiegato Umberto Eco che se Bush avesse letto dei buoni storici avrebbe capito perché, nell’Ottocento, inglesi e russi non erano riusciti a controllare e dominare l’Afghanistan. E non avrebbe commesso fatali errori, decretando operazioni militari senza prospettiva ed evitando inutili morti. Perché, come diceva Cicerone, la storia può rivelarsi una preziosa maestra di vita.

13-08-2015 | 01:58

La violenza e il sacro

Nel 1972 “La violenza e il sacro”, testo del filosofo e antropologo francese René Girard, cerca di andare oltre ad un’antropologia post moderna che nega un qualsiasi accesso alla verità. Facendolo ha proposto una teoria del religioso, e dunque della cultura, alternativa. Il sacro non viene rappresentato né come ricerca di senso attorno ai misteri naturali dell’universo, né come inutile superstizione dei primitivi. Bensì come...

08-07-2015 | 17:41

Pagine